Cos'è l'acido alfa-lipoico

Cos'è l'acido alfa-lipoico

L’acido alfa-lipoico (ALA), è un acido grasso che si trova naturalmente all’interno di ogni cellula nel corpo. È coinvolto in numerose funzioni biochimiche, tra cui il metabolismo dell’energia e l’attività antiossidante contro i radicali liberi. I radicali liberi sono pericolose sostanze di rifiuto che vengono prodotte dal nostro organismo a seguito di varie reazioni, tra cui quelle che trasformano il cibo in energia per le cellule. Si tratta di molecole in grado di causare danni a cellule, tessuti e organi e l’acido lipoico è una delle sostanze in grado di renderle inoffensive. La caratteristica peculiare dell’acido alfa-lipoico è quella di poter, a differenza di vitamine antiossidanti con la stessa funzione, come la vitamina C e la vitamina E, che agiscono solo in acqua o nei grassi, eseguire la sua funzione efficacemente in entrambi gli ambienti.

Osservazioni cliniche e sperimentali hanno dimostrato che l’acido alfa-lipoico è in grado di apportare numerosi benefici ai pazienti con sindromi metaboliche, affetti da diabete e dalle sue complicanze, quelli soggetti a terapia radiante, favorisce la rivascolarizzazione post ischemica e rallenta i processi legati a patologie neurodegenerative. In particolare, l’acido alfa lipoico è indicato per trattare, ma soprattutto prevenire, le neuropatie diabetiche come ad esempio quelli che portano il paziente ad avvertire, in particolare in corrispondenza degli arti, bruciori, dolore, parestesie e perdita di sensibilità al caldo e al freddo. Nella pratica sportiva, l’acido alfa lipoico offre notevoli vantaggi per quanto riguarda il controllo dei radicali liberi, tipicamente espressi maggiormente dagli atleti, sia a causa della mera attività fisica, che come conseguenza di un aumentato metabolismo, e, in secondo luogo, per l’essenziale partecipazione dell’acido alfa lipoico in diverse tappe della glicolisi e del ciclo di Krebs.

L’acido alfa-lipoico può essere sintetizzato dall’organismo, ma si può trovare anche in piccole quantità nei cibi, come patate, spinaci, broccoli, lievito di birra, ma soprattutto carne rossa e frattaglie (fegato ,reni e cuore). L’assorbimento gastrointestinale è variabile e diminuisce con la presenza di cibo, per questo motivo si consiglia l’assunzione 30-60 minuti prima di mangiare o almeno 120 minuti dopo un pasto; la concentrazione massima nel sangue viene raggiunta circa 30-60 minuti dopo l’integrazione e viene poi gradualmente metabolizzato dal fegato.

Tendenzialmente l’assunzione di questa sostanza è ritenuta sicura, ma i principali effetti collaterali dell’acido alfa-lipoico sono:

  • Emicrania e mal di testa;
  • Sensazione di formicolio;
  • Eruzioni cutanee e/o prurito;
  • Crampi ai muscoli.

 

fonte: farmacoecura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *